Computer per Fotografia e Video editing professionale.

MANUALE DELLA FOTOGRAFIA PROFESSIONALE.
Parte XIX:
Pc per la Fotografia.

Con lo sviluppo delle nuove fotocamere e videocamere professionali sempre più assetate di spazio su supporto digitale per la memorizzazione delle immagini, anche i computer richiedono maggiori prestazioni per l’elaborazione e il trattamento di queste.

Schema generale
Fotografia e video non richiedono stesse soluzioni per l’incremento delle prestazioni di eleborazione, ma in ambito professionale è bene predisporre un sistema che possa risolverle entrambe. Iniziamo a descrivere un moderno computer con tutte le caratteristiche tecniche.

Lo schema tecnico di un computer ha una struttura modulare con i seguenti componenti: un trasformatore di corrente, che alimenta una scheda madre su cui sono installate tutte le unità di elaborazione ossia il chipset, l’unità centrale cpu (processore con frequenza espressa in Mhz), una Rom [Read Only Memory ossia la memoria di sola lettura non volatile -i dati vengono mantenuti allo spegnimento del dispositivo], una Ram [Random Access Memory ossia la memoria dedicata all’esecuzione dei programmi e delle applicazioni] per la memoria espressa in Mb, un hard disk con capienze in Gb per la memorizzazione dei dati, Gpu per informazione video, . Poi ci saranno le molteplici periferiche (schermo, tastiera, mouse, masterizzatore) e porte.

Il computer ideale per le elaborazioni, sia video che fotografia, è il Pc desktop che fornisce il massimo delle prestazioni e dell’affidabilità in uno spazio contenuto. Con il pc desktop si ha una macchina potente con la garanzia di avere un prodotto adeguato per qualche anno.

Per avere un computer professionale per questo tipo di elaborazione occorre trovare qualcosa tra i pre-assemblati, assemblarne o farsene assemblare uno con caratteristiche specifiche.

Questi computer sono diversi dai normali pc di uso quotidiano domestico o da quelli da gioco. Hanno delle caratteristiche di affidabilità e di velocità diverse, ma sono ideali per singoli professionisti. Per un laboratorio di grandi dimensioni occupazionali è preferibile optare per le workstation*(1), stazione di lavoro, una tipologia di computer per utilizzo produttivo ad alte prestazioni per assolvere compiti altamente professionali. Un computer utilizzato dai professionisti in ambiti di lavoro professionale che è in grado di elaborare moli enormi di dati e grandi potenze di calcolo come il CAD, la ricerca scientifica, le elaborazioni fotografiche, video, audio.

La soluzione migliore sarebbe quella di assemblarne uno con le caratteristiche che meglio si addicono alle nostre esigenze. I pre assemblati hanno una disponibilità immediata ma hanno il contro che la garanzia è limitata all’apertura della macchina ad un solo componente elettronico.

Con l’acquisto dei singoli pezzi separati, la garanzia riguarda ogni singolo pezzo acquistato (in media per 2 anni dall’acquisto) ed in più si ha la possibilità di avere un prodotto confacente alle nostre reali esigenze.

A meno di esigenze particolari di necessità professionali estremi possiamo persare di assemblare un pc di fascia medio-alta con un costo contenuto ma potenza e affidabilità elevata per assolvere i compiti professionali: elaborazione grafica 2 e 3D ufficio, elaborazione e riproduzione video full HD, uso macchine virtuali, rendering audio/video in parallelo.

In linea generale le elaborazioni fotografiche fanno un uso intenso della cpu e della Ram. Per le elaborazioni video (editing video) invece, che richiede di elaborare una mole di dati molto elevata, specialmente per il rendering dei dati, la componente hardware più importante è un buon hard disk performante (o meglio due, uno per la velocità e un secondo per la capacità), una buona scheda video (di enorme aiuto perchè aiutano nell’elaborazione il processore) e una cpu veloce.

Processore dati.
Per ciò che riguarda le cpu, il mercato propone due marchi essenziali l’INTEL (i3 – i5 – i7 Kaby Lake di settima generazione) e AMD (FX CPU – A-series APU – Athlon – Sempron)], che sono i produttori di tutti i processori desktop*(2).

Per ciò che riguarda i processori che equipaggiano gli attuali computer le nuove CPU di settima generazione Intel sono i Kaby Lake. Kaby Lake costituiscono la fase di ottimizzazione dell’architettura Skylake. Piuttosto che rincorrere la nanotecnologia, Intel si è dedicata all’ottimizzazione del processo a 14 nanometri ottenendo transistor che lavorano a una frequenza di 300-400 MHz maggiore rispetto a Skylake. Le migliorie riguardano i tempi di risposta più veloci, un’incrementata efficienza energetica, una maggire possibilità di overclock, esperienza VR, supporto UHD 4K. Le Cpu Kaby Lake non supportano sistemi operativi precedenti a Windows 10.

I processori Intel sono contraddistinti dalle sigle i3 – i5 – i7.
i3: 2 core e 4 threads, Cache 4MB e 51 watt
i5: 4 core e 4 threads, Cache 6MB e 65 watt
i7: 4 core e 8 threads, Cache 8MB e 91 watt

Memoria Ram supportata: DDR3L-SDRAM,DDR4-SDRAM
Processo Manifatturiero 0.014 micron (14nm)

Intel Core i5-7600K Kaby Lake – 3.8GHz 6MB 64-bit – 4 core e 4 threads – Socket H4 (LGA 1151) – prezzo 230 euro circa.
Intel Core i7-7700 Kaby Lake 3.6GHz 8MB – 4 core e 8 threads – socket LGA 1151 – prezzo 305 euro circa.
Intel ha pensato anche le cpu per le workstation e server denominadole Intel Xeon Processor.

Questo tipo di processori sono molto performanti basandosi su più core accoppiati e enormi cache per la memoria.
Intel Xeon Processor E3 [4 Cores – da 4 a 8 Threads – 8 MB Cache]
Intel Xeon Processor E5 [da 4 a 22 Cores – da 8 a 44 Threads – da 10 a 55 MB Cache]
Intel Xeon Processor E7 [da 8 a 24 Cores – da 8 a 48 Threads – da 20 a 60 MB Cache]*(3)
Xeon Phi è un processore per host, high performance computing (HPC) o machine learning. La filosofia è quella del risparmio energetico. 32-34-36 MB cache e 64-68-72 core secondo i modelli.

AMD è più orientata al numero dei core più che al singolo core e un costo della metà rispetto ad Intel. La novità del 2017 sarà la Microarchitettura Zen con Ryzen 7 e Ryzen 5 dotati di overclocking di tipo XFR (Extended Frequency Range) per i processori desktop. Con gli Zen consumer, Amd ha colmato il divario con intel almeno per quanto riguarda desktop da lavoro, a prezzi di circa la metà.

Per workstation l’orientamento Amd è quelo di monoprocessore a elevato numero di core affiancati da acceleratori hardware e GPU molto performanti. (1 cpu associato a 4 Gpu e 2 cpu e 8 Gpu).
Naples per i server basato su 32 core e 64 thread con 64MB di cache, a 14 nm FinFET
128 linee PCI-Express. In uscita per la seconda metà del 2017, dovrebbe essere una grande sorpresa per le performance esaltanti. I rumors parlano di prestazioni superiori di almeno il doppio rispetto alle altre cpu per workstation.

Scelto il processore dovremmo optare per la scheda madre.
La scheda madre o motherboard è il componente principale del pc perchè alloggia e gestisce i collegamenti tra tutte le componenti del computer. I componenti essenziali della scheda madre sono: -il chipset, due circuiti integrati -north bridge e south bridge*(4)– che hanno la funzione di regolare il traffico dati tra i vari componenti cpu, ram, controller I/O, bus di espansione (Intel ha chipset ad elevate prestazioni e chipset mainstream; AMD, ha chipset serie A e chipset serie 9) chipset: Intel X99 (oltre 200 euro) seguono Z270 e H270;
-il BIOS, una memoria permanente che il cui programma in essa contenuto inizializza e configura le periferiche del pc;
-gli alloggiamenti per i componenti del pc.

In base alla cpu dovremmo orientarci nella scelta di una scheda madre che abbia un socket compatibile con il processore (Intel ha socket LGA1150, LGA1151 e LGA2011-v3; AMD ha tipologia SOCKET PGA – AM1, AM2/AM2+, AM3/AM3+, FM1 ,FM2/FM2+).
Nella scelta va tenuto presente oltre al socket del processore, il formato in base allo spazio e alle device e quindi connessioni di cui necessitiamo.
Per i formati dovremmo orientarci su uno standard ATX (305×244 millimetri) o microATX (244×244 millimetri) a seconda delle periferiche che vogliamo installare*(5). Per le workstation possiamo prendere in considerazione il rack, ove serva.
E considerare tutte le più recenti soluzioni per collegare il resto dei componenti del pc:
USB 3.1 – PCI Express 3.0 – SATA 3.0 – SATA Express – M.2 (per il collegamento dei dischi allo stato solido)*(7), slot di espansione per la memoria RAM, slot PCI e/o PCI Express, Wi-Fi, Bluetooth.

Connettori e interfacce per connessione performanti dei device*(6).
USB 3.0 (2007) è un’interfaccia di comunicazione seriale sviluppata da Intel con bus SuperSpeed ha una velocità di trasferimento dati a 4,8 Gbit/s (600 MB/s, dieci volte più veloce della USB 2.0) e retrocompatibilità con USB 2.0 e 1.0.

FireWire 800 (2003) -versione a 9 pin della IEEE 1394b- interfaccia per un bus seriale della Apple nata per collegare dispositivi per l’acquisizione video o per l’archiviazione. Dotata di alimentazione fino a 45 watt per i dispositivi portatili, è utilizzata per il trattamento di flussi multimediali anche senza ausilio di pc. Con velocità di connessione di 786,432 Mbit/s è retrocompatibile con la FireWire 400 (connettore a 6 pin).

I/O Thunderbolt 2 è una interfaccia con tecnologia sviluppata da Intel in collaborazione con Apple, per il collegamento dei dispositivi multimediali. Dotata di velocità costanti fino a 440 MB/s, permette la massima velocità di trasferimento dalle unità disco di file, esecuzione dei backup e riduzione latenza nelle configurazioni Raid. Fotografi digitali riescono ad usufruire di intere raccolte fotografiche in formato RAW senza minima latenza. Video editor sono in grado di riprodurre ed effettuare rendering video compressi in formato 4K oltre a flussi video in contemporanea a 10 bit non compressi formato 2K.

DisplayPort 1.2 per collegare a catena monitor a risoluzione elevata 4K.

Il mercato per le schede madri desktop ASUS, Gigabyte, MSI e ASRock.
Con la scelta della scheda madre, MoBo o motherboard, la scelta degli altri componenti risulta più semplice. Il resto è quasi tutto condizionato. A cominciare dal case, su cui non occorre investire una fortuna*(5). Seguendo con l’alimentatore la cui scelta dipende di watt del processore e soprattutto della Gpu specialmente se dedicata e molto performante.

Per le Ram il consiglio sono almeno 8Gb del tipo DDR4, possibilmente ECC, con correzione di errore.

Per gli hard disk è bene disporre due dischi. Un primo disco allo stato solido molto performante con almeno 500Mb per far girare SO, software e i files da elaborare. Un secondo disco usato per l’archiviazione di 1 o 2 TB. Gli hard disk SSD (Solid State Drive) sono delle memorie allo stato solido in cui la memorizzazione dei dati avviene su chip di memoria. A differenza degli hard disk tradizionali non hanno parti in movimento, hanno capacità più limitate rispetto ai prezzi, ma possiedono una velocità di trasferimento lettura e scrittura dati molto superiore. Prestazioni per velocità di lettura e scrittura dati tradizionali Hard disk HDD massimo 150 MB/s (MegaByte per secondo) nuovi hard disk SSD fino a 600 MB/s; IOPS (Input/Output Operations Per Second) quantità di operazioni eseguite per secondo vecchi Hard disk HDD max 500 IOPS, nuovi SSD Serial-Ata max 100.000 IOPS.

Scheda video.
La scheda video è il componente hardware del pc che ha la funzione di generare e inviare il segnale video al monitor.

Possono essere di tre tipi:
schede video integrate che sono alloggiate sulla scheda madre del computer;
schede video dedicate collegate alla scheda madre tramite una porta dedicata;
schede video esterne impiegate per i computer portatili.

Il processore grafico della scheda video è denominato GPU (Graphics Processing Unit).
Le schede grafiche dedicate di tipo professionale AMD FirePro, NVIDIA Quadro.

Monitor a tecnologia IPS.
(In Plane Switching) tecnologia LCD usati in ambito professionale (fotografico), per la loro capacità di riprodurre fedelmente i colori, la brillantezza, il contrasto.

Backup automatico dei dati.
Windows Backup
Time Machine è la funzionalità di archiviazione esterna di backup che Apple ha predisposto per il computer Mac.

Per il singolo fotografo con budget limitato il consiglio è di assemblare una Mobo C236M WORKSTATION di MSI scegliendo xeon e3 1230 o xeon e3 1275 per un budget più ampio.
Oppure ci si può rivolgere sul mercato dell’usato cercando delle workstation di qualche anno fa, doppio processore xeon e5 v2 – ddr3 – doppio processore Ssd + hdd tradizionale, Gpu dedicata Quadro 600, sistemi assemblati per ambienti Cad e pro.
Alternativa interessante quella di assemblare un desktop con un processore quad core intel i5 o i7 Kaby Lake ultima generazione.

Per il laboratorio fotografico e di video editing.
In ambito professionale il pc deve avere produttività che si ottiene con l’affidabilità del sistema (lavorare in condizioni di carico estremo in ordine di tempo e stress delle componenti specialmente della cpu e della gpu, possedere requisiti di stabilità del sistema operativo) e velocità di calcolo.

In un contesto in cui sono più utenti a operare, occorre avere delle macchine pensate per garantire i lavori commissionati, per affermare il prestigio del laboratorio.

E’ indispensabile pensare un sistema informatico professionale centralizzato, un sistema di riserva, e qualche pc per le emergenze. Per il sistema centralizzato occorre rivolgersi a workstation multiprocessore, multicore, che offrono tutta la potenza per effettuare rendering mentre i colleghi effettuano operazioni di elaborazione varie. Il suggerimento qui sarebbe almeno un doppio processore di nuova generazione xeon e5 kaby lake e gpu molto performanti Quadro, che forniscono la possibilità di accedere ad archivi di memoria centralizzati a tutti gli utenti.
Si può considerare l’acquisto di nvidia Tesla, un acceleratore Gpu che si basa sulla nuova generazione dell’architettura CUDA. Riduce i costi del computing fornendo medesime prestazioni delle CPU tradizionali a costi di 1/10 e consumo energetico di 1/20.

L’attrezzatura informatica per la fotografia è nella sostanza quella usata in ambito professionale dai disegnatori grafici, graphic designer, illustratori fotografici, che usano software per fotoritocco, post-produzione, impaginazioni, illustrazioni 2d, realizzazione di loghi, infografiche, templates per siti web, rebranding, mockup, impaginazione di brochure, documenti.

L’attrezzatura informatica per video editing e modellazione 3d (Blender, Maya 3D, Auto Cad, Inventor,3 dsMax, Vray), computer grafica 3D, effetti visivi VFX (Visual Effects) – FX , rendering è nella sostanza quella usata in ambito professionale da operatori cad, video operatori, animatori in 3d. Ma ai giorni d’oggi questa differenza si va assottigliando perchè molto spesso i laboratori fotografici si trovano nella necessità di produrre anche video.

Le workstation per un laboratorio fotografico vanno pensate quindi, non solo per le esigenze attuali, ma ponderate con le possibilità future, le eventuali collaborazioni. La frequenza minima deve essere almeno di 2,6 ghz (Xeon e5 1600 v3 o v4) in una workstation, meglio se è superiore.

Si può optare per il Mac Pro è la workstation con dimensioni compatte di Apple. Con processori Xeon, doppia GPU, archiviazione flash PCIe, Thunderbolt 2, compatibilità video 4K. (Xeon E5 da 3.5 GHz, 16 GB RAM espandibile fino a 64, SSD con capacità 256 GB).
Possiede architettura GPU con due GPU AMD FirePro workstation (6GB di VRAM dedicata – 2048 stream processor). Questa configurazione è quella necessaria per effettuare un rendering di un filmato in background mentre si monta un video in 4K e visualizzazione su tre schermi HD 4K.
Come soluzione per il raffreddamento è basato su un solo nucleo termico centralizzato dissipatorein alluminio estruso raffreddato da una sola grande ventola, quindi moto silenziosa.
Altoparlante integrato
Audio con uscita minijack combinata audio digitale ottico/analogico
Jack da 3,5 mm per le cuffie
Sistema operativo MacOS Sierra con installato Siri assistente intelligente di Mac

Software Mac.
Handbrake software di conversione video performante e gratuito.
Adobe*(8) Premiere Pro CC software di editing video per i professionisti leader del settore. Licenza 25 euro mese circa.
Creative Suite di Adobe*(6) bundle applicazioni professionali Photoshop, Lightroom ecc.

INDICE GENERALE DEL MANUALE DELLA FOTOGRAFIA PROFESSIONALE.
Parte I:Storia della Fotografia.
Parte II Tecnica fotografica.
Parte III …ancora sulla Tecnica della fotografia.
Parte IV Fotografia Professionale e Artistica.
Parte V: Leggi, Privacy, Copyrights, Liberatorie.
Parte VI: Paparazzi e Deontologia del fotografo.
Parte VII: i sensori degli apparecchi digitali [videocamere e fotocamere].
Parte VIII: l’Elettronica delle fotocamere digitali professionali.
Parte IX: Cellulari e Smartphone per la ” Fotografia “.
Parte X: Set fotografico, Piano, Allestimento e Illuminazione.
Parte XI: Fotografia per il ritratto e glamour.
Parte XII: Processori e firmware delle Fotocamere professionali.
Parte XIII: La Fotografia Fashion – Moda.
Parte XIV: Book, composit, agenzie, riviste, calendari, posa in passerella, Informatica per la Moda.
Parte XV: Post-produzione Digitale Professionale per la Fotografia.
Parte XVI:Semiotica Fotografia
Parte XVII: Fotografia in Iran
Parte XVIII: Smartphone per la Fotografia

NOTE.
*(1) Workstation o stazione di lavoro è un computer monoutente, destinato a utilizzo produttivo ad elevate prestazioni per elaborazioni altamente professionali usati in ambiti di lavoro che necessitano grandi potenze e sicurezza di calcolo (ricerca scientifica, produzione audio/video, CAD, simulazioni, ingegneria, settore bancario). Installano componenti informatici molto performanti processori a 64 bit, elevate ram, sistemi multiprocessore e affidabili.
A differenza dei server (che hanno impiego generalistico multiutente sul web e SO Linux), le workstation installano sistemi operativi professional o enterprise studiati per i singoli utenti privati (Windowso Mac).
Le workstation possono essere ospitate in diversi tipi di alloggiamenti.
Quando componenti e device informatiche riescono ad avere dimensioni contenute possono essere alloggiate nei notissimi case da scrivania, desktop o tower.
Nel caso in cui queste componenti richiedano maggiori spazi è necessario alloggiare le tecnologie esuberanti lo spazio del case nei rack,armadio o rastrelliera a ripiani multipli. I rack hanno dimensioni standard con larghezza di 19 pollici (48,26 cm), altezza di 1,75 pollici (44,45mm) e lunghezza maggiore di 600mm.
Mainframe detto anche sistema centrale è una tipologia di computer con elevatissima prestazioni di elaborazione dati. I sistemi di questo tipo usano principalmente sistemi operativi open source Linux e UNIX e vengono impiegati per la ricerca scientifica e nei settori strategici (militare, bancario, informatico web).

*(2) A novembre 2015, erano impiegati multi core a partire da 2 fino a 8, a frequenze che vanno da 2.300MHz fino a 5.000MHz fino a 20 Mb di cache. Il mercato proponeva due marchi essenziali l’INTEL (i3 – i5 – i7 Skylake di sesta generazione) e AMD (FX CPU – A-series APU – Athlon – Sempron)

*(3) Xeon E7-8894 v4 8.898 dollari, più costoso degli Xeon, il più potente: 24 core con Hyper-Threading (Broadwell-EX) frequenza 2,2 / 3,4 GHz e 60 MB di cache. TDP del processore 165 watt. Motherboards con socket LGA 2011 fino a 8 processori. Socket supportati FCLGA2011
Scheda madre —> Sistema mission critical/high availability HPE Superdome X di HP [memoria massima fino a 24TB – fino a 16 socket (1-8 server blade a due socket) – rack 42U HP 600 mm larghezza]

*(4) Il chipset del computer è diviso in due chip principali, due circuiti distinti chiamati Northbridge e Southbridge. Il Northbridge (ponte Nord) ha il compito di dialogare direttamente con CPU (installato in alto, a Nord), memoria RAM e le interfacce ad alta velocità, grafica AGP o PCI Express. Il Southbridge (ponte Sud) ha il compito di comunicare con tutte le altre interfacce di ingresso/uscita (I/O) collocate in basso (a Sud). Dal 2003, AMD e dal 2009 Intel, hanno spostato gran parte delle funzioni del northbridge alla Cpu dotandoli di maggiore velocità.

*(5) I costruttori di computer hanno definito degli standard per la costruzione delle schede madri dei computer. Per il personal computer da scrivania gli standard sono: standard ATX (305×244 mm), microATX (244x244mm), mini ITX, nano ITX, pico ITX.
Le schede madri dei personal computer con standard ATX, micro atx e mini atx hanno degli alloggiamenti denominati case che possono essere:
orizzontali da scrivania, desktop;
verticali, a torre, tower [microtorre-microtower h35cm – minitorre-minitower h39cm – mezzatorre-mid tower h43cm – torre piena-tower h56cm] per il posizionamento sotto la scrivania.

*(6) Bus Il bus sono singole connessioni elettroniche, predisposte per l’interconnessione delle componenti (device) di un computer, per il trasferimento di informazioni elettroniche.
I bus dati possono essere di tipo parallelo (ISA, PCI , AGP), ossia, realizzate direttamente sul circuito stampato della motherboard oppure di tipo seriale (USB, SPI, SATA, PCI Express, LonWorks, Konnex, PROFIBUS, CAN, LIN.), trasmessi tramite un cavo appositamente predisposto.

*(7) I costruttori di SSD vollero standardizzare un’interfaccia, il connettore femmina M.2 dandogli il nome NGFF (Next Generation Form Factor). Il connettore maschio dell’SSD non è standard potendo risultare di due tipi.

*(8) Adobe nella versione CS6 ha inaugurato la vendita della licenza Creative Cloud del software ossia con diritto di utilizzo accanto alla cessione, vendita definitiva. Creative Cloud (CC) ha introdotto definitivamente il concetto di utilizzo del software eliminando quello di proprietà.
Acquistando Adobe Creative Cloud, Adobe CC, si compra la licenza d’uso on line scaricando i files di installazione dalla rete, essere collegati on line per la verifica del diritto d’uso che vanno rinnovati mensilmente. Il vantaggio è quello di pagare solo se usiamo il software, non si pagano più gli aggiornamenti e si hanno scontistiche per gli altri applicativi di Adobe correlati [Photoshop –
Premiere per il montaggio video – After Effects per la creazione di effetti grafici – Audition per l’audio – inDesign per la grafica]. Lightroom si può acquistare nel modo tradizionale.

Una risposta a “Computer per Fotografia e Video editing professionale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *