Marcia per la Pace Perugia-Assisi 2011: 1961-2011, 50° Anniversario.

“Per la Pace e la Fratellanza dei Popoli”.Sono passate 50 edizioni dalla prima edizione della Marcia della Pace del 1961. Lo slogan è lo stesso. Nei 24 km del lungo percorso che parte dai Giardini del Frontone di Perugia e arriva alla Rocca di Assisi, fervono i preparativi, specialmente nelle soste intermedie di Collestrada e di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, in cui si articolano le aggregazioni degli altri partecipanti alla Marcia, provenienti dalle restanti aree della Provincia e Nazionali. Nel dettaglio forniamo il seguente

Programma Marcia della Pace Perugia-Assisi 2011.
09:00 Partenza Giardini del Frontone
15:00 Arrivo Rocca Maggiore di Assisi.

La Presentazione del DVD di giovedì 22 settembre 2011, alla Sala dei Notari del Palazzo dei Priori di Perugia.

Gli eventi del 50° Anniversario della Marcia della Pace di Assisi, hanno preso avvio con la presentazione del DVD sullo sconosciutissimo Fondatore Aldo Capitini.

Con la conferenza si è delineato un profilo del Filosofo con i relatori presenti in sala – Fabrizio Bracco Assessore alla Cultura della Regione Umbria, Wladimiro Broccali Sindaco di Perugia, Patrizia Romani Direttore Rai Sede Regionale per l’Umbria, Mario Martini Fondazione Capitini – e la proiezione in anteprima del documentario “Alle Radici della non violenza”. Filmato che andrà in onda in due repliche sul canale satellitare Rai Storia il 24 settembre 2011 alle ore 09:35 e 19:05.

Riassumiamo il profilo del grande oppositore della violenza emerso dall’incontro.

Per Capitini la menzogna è la prima violenza.

Gli uomini sono considerati e utilizzati come mezzo. Ucciderli significa fare del rumore gratuito.

Con un carattere volto completamente alla non violenza, astraeva dalle posizioni del Socialismo e del Liberalismo, auspicando la massima libertà per l’uomo nella sfera del pensiero, e massimo Socialismo nell’economia e nella politica. Le posizioni del Socialismo e del Liberalismo erano superate con un concetto nuovo che conduceva direttamente all’Omnicrazia, un Valore universale e tangibile per ogni essere umano. Capitini si era formato nel Pensiero pessimista e cosmico di Leopardi, in cui imperava la fragilità dell’essere umano, che riesce a superare scoprendo il valore intangibile dell’Impegno e dell’Azione, riscatto di fronte all’ingiustizia. La trasformazione della fragilità in un punto di forza rende Capitini universale oltre che perfetto educatore.

La non violenza di Capitini serviva come punto di dialogo e di incontro di ideologie e pensieri diversi.

Nelle giornate del 23 e 24 settembre 2011 il Meeting “Mille giovani per la Pace” presso Umbria Fiere di Bastia Umbra uno spazio di incontro per i giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *