Omaggio a Gian Carlo Menotti – The Medium

Spoleto 61 -Festival dei due Mondi 2018

Nel giorno del genetliaco di Gian Carlo Menotti (Cadegliano Viconago, 1911 – Monte Carlo, 2007), 7 luglio, lo Spoleto Festival ha omaggiato l’illustre compositore con la sua opera: The Medium (1946).

Melodramma contemporaneo
The Medium – Spoleto 61 Festival 2018
Con introduzione di Valerio Cappelli giornalista del Corriere della Sera e del Soprano Raina Kabaivanska hanno presentato l’opera e onorato il compositore. Sono intervenuti anche due critici musicali per
illustrare questo importante lavoro del Maestro. Una scrittura musicale di un giovane Menotti che è molto in linea con la pregevolezza del libretto.
Un melodramma serio drammatico in due atti. Usualmente va abbinato con “The Telephone” anche se per questa rappresentazione è andata in scena da sola ed in forma di concerto.
Il pianoforte del Maestro Paolo Andreoli ha sostituito degnamente l’orchestra. Non è stato utilizzato il mimo, visto che una seppur minimalista scenografia era presente sul palco.
La Medium è un’opera lirica da camera che si presta molto bene a questo tipo di esecuzione. Per giunta le vocalità espresse dalla Scuola della Kabaivanska hanno conferito quella lode finale per un omaggio molto rispettoso del Maestro.
Piacevolissima musica in un’opera il cui contenuto passa dalla frivolezza, al supernaturale assumendo il culmine sul carattere definitivamente drammatico sul finale.
Gli allievi del master di formazione della Kabaivanska hanno una preparazione vocale molto impostata con una ricchezza di armoniche impressionante. Tutti i registri sono corposi sia per il baritono, contralto, mezzo che per il soprano.
Forse unica incertezza nella dizione anglosassone del testo di dubbia interpretazione Usa, vista la vocazione americana del Maestro.
Commissionata dalla Columbia University, ricordiamo che l’opera fu presentata in prima esecuzione al Brander Matthews Theater di New York nel 1946.

Cast vocale.

Monica (figlia di Baba) Marily Santoro – soprano
Madame Flora (Baba) Julija Samsonova-Khayet – contralto
Mrs. Gobineau Chiara Isotton – soprano
Mr. Gobineau Lorenzo Grante – baritono
Mrs. Nolan Roxana Herrera Diaz – mezzo soprano
voce fuori scena Arianna Manganello – soprano

Atto primo.
Monica e Toby giocano nel salotto della medium. Sopraggiunge Baba ubriaca che rimprovera i due per non aver preparato la seduta spiritica per una finta evocazione degli spiriti per Mrs. Nolan e i coniugi Gobineau.
Nel buio, Baba è sconvolta da una mano che le stringe la gola insospettatamente. Non avendo altre spiegazioni, incolpa Toby.
Monica canta la ninna nanna “The Black Swan” e Baba recita l'”Ave Maria”.

Atto secondo.
Monica e Toby seguitano a giocare al teatrino di marionette per le evocazioni.
Baba, ancora ubriaca, chiede ancora a Toby se sia stato lui e lo minaccia.
Toby cerca di fuggire nascondendosi dietro alla tenda. Baba spara e lo uccide. Ho ucciso il fantasma! Cala il sipario Baba chiede: Sei stato tu?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *