Sony α9.

Il 19 aprile 2017, Sony ha presentato la fotocamera digitale full-frame da 35 mm, Sony alpha 9

Tutorial Fotografia Professionale
Fotografia Professionale

Sony α9.

Dotata dell’innovativo sensore CMOS Exmor RS®, “stacked” con risoluzione di 24,2 MP, che integra uno strato per la memorizzazione dei dati sul sensore, consente un readout fulmineo. Questa tecnologia permette una raffica di 20 fotogrammi al secondo con live view sempre visibile garantito per 241 RAW continui.
Come cpu usa il nuovo processore BIONZ X e un chip di acquisizione LSI che permettono una elaborazione dei dati 20 volte superiore rispetto alle altre fotocamere Sony.
Lo scatto è garantito da un otturatore elettronico senza vibrazioni e silenzioso a una velocità massima pari a 1/32.000 secondi e un otturatore meccanico con un tempo di syncro flash 1/250.
Questo assicura una visione nel mirino senza interruzioni, priva dell’effetto slide-show tipico delle mirrorless e del black-out delle reflex. E’ presente il comando AF-ON per liberare la messa a fuoco dal pulsante di scatto.
L’autofocus di tipo ibrido con 693 punti AF a rilevamento di fase e AF a contrasto per migliorare la precisione, coprono il 93 % dell’inquadratura. Le letture dell’AFe dell’AE sono calcolate 60 volte al secondo.
Gamma di sensibilità molto elevata con valori standard di 100-51.200 ISO, espandibilo a 50-204.800 ISO.
Lo stabilizzatore d’immagine a 5 assi incorporato nel corpo macchina garantisce 5 stop.
Doppio alloggiamento per schde SD, mirino OLED con risoluzione 3.686.000 punti, porta Ethernet per trasferimento dei file FTP, ripresa video 4K.

Obbiettivi.
FE 24-70 F2.8 GM
FE 70-200 F 2.8 GM
Ritratto FE 85 F 1.4

La fotocamera Sony Alpha 9 si pone a confronto con le migliori reflex professionali sfidando Canon EOS 1DX II, Nikon D5, Leica SL.
Sarebbe una rivoluzione del mercato dell’imaging professionale se non fosse per il prezzo proibitivo, Da giugno sarà possibile acquistarla ad un prezzo di listino di circa €4.499,99 (senza IVA).

Note.
*(1) stacked è la tecnologia per la produzione dei sensori a strati. Lo strato superiore esposto più direttamente alla luce contiene i fotodiodi, quello intermedio contiene i circuiti di controllo e quello inferiore la memoria DRAM. Rappresenta l’evoluzione dei CMOS retroilluminati (BSI).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *