Spoleto Art Festival 2016.

Malgrado le avversità naturali che sono imperversate in seguito al terremoto del Centro Italia dell’agosto us, marginalmente subite a Spoleto, lo Spoleto Festival Art 2016 e la Città del Festival sono risultate miracolate come dall’intervento del Santo Patrono Ponziano.

Spoleto Art Festival
Spoleto Art Festival
La nuova formula collaudata lo scorso anno con arte a palazzo, dopo aggiustamenti e rifiniture ha funzionato a dovere in questa settima edizione 2016. La novità consiste, come riporta il titolo “Art in the City”, nella proposta di una rassegna nei più prestigiosi palazzi storici della città. I flyer che contiene l’elenco completo con tutte le location ha una dimensione A3, per un totale di 34, il che da solo testimonia il successo dell’expo. L’Arte non è solo questione di numeri. Lo Spoleto Art Festival si distingue sempre di più per l’efficace azione di scouting, che da sempre connota la città del Patrono dell’Arte e della Cultura Gian Carlo Menotti. Praticamente invariate rimangono le partecipazioni di Artisti e Galleristi degli anni passati a testimoniare la fiducia nella prestigiosa kermesse.

Mentre si è assistito a delle interessantissime new entry.
Rimarchevole è il contributo offerto per l’esposizione di opere artistiche di due enfant prodige. Jasmin Trotti figlia del direttore artistico Sandro Trotti è stata invitata a partecipare al prossimo premio Spoleto Art. Aurora, 8 anni, figlia del Gallerista torinese Roberto Girardi ha riscosso enorme successo dall’esposizione di alcune sue tele.
A seguire il PhotoFestival e l’Occhio dell’arte diretto e presieduto da Lisa Bernardini che ha esposto nella Galleria storica di Via Arco di Druso. Una selezione di artisti provenienti da tutta Italia: Daniella Negrelli, presidente dell’associazione Iter art, Gino Di Prospero, Alessandra Fuligni, Maria Meraglia, Andrea Natale, Francesca Splendore, Patrizia Pisano, Loredana Giannuzzi, Pia Depollo Detta Mapi, Annamaria Campus, Ester Campese, Marina Rossi, Giuliana Marinello, Carolina Cuneo, Miriam Taurino, Francesco Oggianu, Daniela Prata.
Tra le grandi novità di questa edizione la Scuola ternana presentata dal prof Massimo Zavoli nominato Direttore tecnico della manifestazione. A partire da De Felice, Artista di punta, dui seguito l’elenco degli artisti presente in Via di Visiale: Massimo Zavoli, Angelucci Giulia, Botondi Beatrice, Cappelletti Stefania, Maurizi Francesca Silvia, Talevi Eleonora.

Seminario Corso-Concorso Fotografia d’Autore Spoleto Art Festival.
Il seminario si è svolto nella mattinata del giorno 24 settembre 2016 a Palazzo Mauri mentre dalle ore 15 alle ore 20 si è svolto il concorso fotografico (secondo il tema migliori foto riguardanti la manifestazione Spoleto Art festival Art in The City e la foto, premio speciale, inserita nel web che ha riscosso il maggiore riconoscimento da parte della commissione critica) che ha visto premiata la foto di Luciana Palmierini. Il seminario prevedeva i seguenti relatori: il Prof.Luca Filipponi (Presidente di Spoleto Art Festival), il fotografo Virginio Massani (fotografo ufficiale del Festival dei Due Mondi di Spoleto e nel 1962 assistente di Ugo Mulas), il Dott.Daniele Ubaldi (giornalista), Dr Paola Biadetti (direttore marketing Spoleto Art festival), altre testimonianze di personaggi del mondo della fotografia artistica.

Per il sociale novità è la collaborazione con l’Artista venezuelana Gray Est. Residente da diversi anni in provincia di Frosinone, ha creato una nuova associazione che farà campagne contro il razzismo attraverso l’Arte. Gray Est ha esposto in Via del Mercato con Aion Art, associazione del Presidente Massimo Bigioni in una collettiva curata da Stefania Montori: Bigioni Massimo, Barbuto Antonio, Barigelli Rita, Bomba Ada, Bordini Assunta, Calzorari Marina, Capoccia Valerio, Carmignani Marianna, Cintio Giacomo, Cipolletti Adriano, De Angelis Benedetto, Giustini Paola, Gonzales Francesco, Leonardi Stefania, Piccioni Luigi, Pozzi Paolo, Spagnuolo Lucia, Tarli Gianni, Valan Antonia Valentini.

Il gruppo di Artinvest di Torino diretto ed organizzato da Roberto Girardi ha già riconfermato la sua presenza per il prossimo anno. In questa edizione ha esposto a Palazzo Leonetti-Luparini con la partecipazione in mostre personale di artisti affermati: Benedetti Orsano Clara, Bissacco Martino, Conte Luisa, Dogliani Silvia, Flis Giorgio, Serpetti Alessio, Anna Galluppi, artista genovese che vanta nobili ed importanti parentele con filosofi e musicisti famosi.

Gli artisti dello Spoleto International Art Fair ha esposto a Palazzetto Pianciani, in Via Walter Tobagi,12 ed in altre location storiche di Spoleto. Gli artisti provenienti da tutta Italia: Marrani Ruggero, Cersonimo Leonardo, Crupi Milena, Massimi Gianfranco, Barenghi Marcello, Cordioli Marina, Locatelli Marco, Pica Giorgio, Antonelli Barbara, Garofali Martina, Cannelli Massimo, Torsello Grabriella, Corbellini Emanuela, Lazzini Enrico, Spitaletta Antonio, Cabano Agnese, Benzi Giovanna, Borzelli Rosanna, Sambri Adriano. Del gruppo di Arezzo, Maravacchio Cristina, Cuttini Massimo, Menichetti Raffaella, Biasini Gianfranco, Buratti Marilena.

Lo Spoleto Meeting Art con direzione artistica di Paola Biadetti ha esposto presso i locali dell’ex Museo civico in Via del Duomo. 4 personali ( A.M Ligotti e C.Ruggeri all’ex museo civico, Sisi Rinaldo a casa Menotti, Gabriella Sernesi alla Sala Orafi). Per la collettiva: Bavetta Gaspare, Cabano Agnese, Carletti Franco, Casagrande Damiano, Ciani Rita Rossella, Coppola Claudia, Costantini Vincenza, Craia Silvio, De Carolisi Loreta, Di Felice Elena, Gatteschi Laura, Gatteschi Lucio, Guendalina Burini Giuliana, Gulotta Roberta, Iallussi Sevasti, Jaccheo Rossana, Lombardi Rita Maglio Maurizio, Margie Maren ( Malara Margherita), Mery ( Burini Maria), Morresi Veronica, Palmerini Luciana, Rampazzo Federica, Rocchi Fabiola, Sarchini Donatella, Serafini Elisabetta, Vittori Irene.

Una menzione speciale va fatta anche quest’anno nei riguardi dell’Expo della Baronessa Maria Lucia Soares. Di origini brasiliane vive da 32 anni a Milano. Artista inserita nella Galleria dei pittori più importanti del novecento per la Casa Editrice “Il Quadrato”, prima e unica donna, insieme a Giorgio De Chirico, Renato Guttuso, Aligi Sassu e Giacomo Manzu. Tutti gli anni sorprende per le sue esclusive proposte culturali, non solo visuali. Un elenco di ben 45 artisti diversi per un totale di 200 opere tra pittori, scultori e fotografi.

Per questa edizione 23-26 Settembre 2016, rodato lo splendido Complesso Museale di San Ansano di Via Brignano, riaperto per l’occasione dopo 2 anni di inattività. La Soares ha ideato l’evento “Arte in Movimento” per la valorizzazione dei suoi artisti di talento.
Personali
Alessandra Tabarrani, Anna Maria Caravella, Carlos Celes, Jacopo Feliciani, Letizia Cabria, Luigi Rossi, Marta Von Zeider, Rosalba Ranieri, Ruggiero DitePa, Vittoria Marziari.
Collettiva
Adriano Cipolletti, Alvaro Vicaroni, Angela Nasone, Anna Rita Micanti, Antonio Barbuto, Antonina Giotti, Carla Brandinali, Lucesio (Carlo Gentile), Daniela Capuano, Davide Tardelli, Donatella Tomassoni, Edvana Burgos Lessa, Fabio Barbetti, Gianni Cucciarelli, Giovanna Gatto, Giuliana Baldoni, Ilenia Massai, Luis Navarro Castillo, Lidia Acquaviva, Maria Paola Nicosia, Marilisa Serra, Maurizio Natalini, Michele Palmieri, Mirella Laurenti, Mirko Pajè, Olga Sidorska, Olivia Pissinati, Paola Falciani, Pietro Cresti, Rosa Maria Lo Bue, Stefania Membola, Sergio Trevisan, Teo Ciraci. Angela Nasone in duplice veste di giornalista ed artista.

Oltre alla rosa degli artisti visuali il giorno domenica 25 settembre si è potuto assistere alle performances riprese dalla tv Brasil Connected, moltissimi i media presenti come la direttrice del Corriere dell’Umbria, la testata Connected Magazine. Due performance informali di “body painting” studiate di Letizia Cabria e della danzatrice-modella Giulia Roversi campionessa nazionale di danza moderna che è arrivata per per l’occasione direttamente da Londra.
Con la partecipazione straordinaria della cantante Cosetta Gigli che con la sua voce a cappella ha omaggiato la città ricordando impostazione e suono del nonno Beniamino Gigli tenore lirico tra i migliori di tutti i tempi, amatissimo, avendo calcato i teatri di Spoleto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *